Le principal symptôme de l'éjaculation prématurée est une éjaculation incontrôlée soit avant ou peu de temps après un rapport sexuel commence. L'éjaculation se produit avant que la personne le souhaite, avec une stimulation sexuelle minimale. Où achat priligy france vous avez trouvé une #pharmacie online ici https://trendpharm.com/ priligy . Parfois, une combinaison de problèmes physiques et psychologiques provoque la dysfonction érectile. Par exemple, une condition physique mineure qui ralentit votre réponse sexuelle peut causer de l'anxiété à propos de maintenir une érection. L'angoisse qui en résulte peut entraîner ou aggraver la dysfonction érectile. Una disfunción eréctil es la impotencia de obtener o mantener una erección. compra priligy generico en ergentina saber cuál es el medicamento ideal para usted depende de diferentes factores.
America LatinaMedio OrienteItaliaBalcaniMediterraneo

Homepage

  • CRIC - Centro Regionale d'Intervento per la Cooperazione ONLUS

    Giovedì 18 Agosto 2011 16:48
  • Fermiamo la strage subito!

    Lunedì 08 Giugno 2015 00:00
  • NAQBA, 15 maggio 1948, ma l'occupazione continua

    Mercoledì 04 Aprile 2018 00:00
  • #GlobalActionDayForAfrin

    Mercoledì 04 Aprile 2018 00:00
  • Incontri

    Mercoledì 04 Aprile 2018 11:10
Cosa Facciamo
Privacy

Questo sito web utilizza cookies.

Continuando a navigare nel presente sito si accetta l'utilizzo di tutti i cookies.

Per maggiori informazioni clicca qui


Politica per la protezione della privacy, attualizzata in base al Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati (GDPR)

Risorse
Interno CRIC



Ci stanno visitando
 11 visitatori online
Ringraziamenti

Per il sostegno alla strategia di rilancio del CRIC

Ultimi progetti realizzati con il sostegno della Chiesa Valdese, fondi OPM

Sumud, Palestina

Hebron, Palestina

Burkina Faso

Sherazade, Milano

Teddungal, Milano

 

 


Legge n. 124/2017, comma 125-129 dell’art.1

Comunicato della Piattaforma ONG Italiane Mediterraneo e Medio Oriente in solidarietà con i detenuti palestinesi nelle carceri israeliane

Roma, 23 Maggio 2017

La Piattaforma delle ONG Italiane in Mediterraneo e in Medio Oriente appoggia pienamente il comunicato stampa del 6 maggio 2017, rilasciato dalla Rappresentanza dell’Unione Europea di Gerusalemme e Ramallah, sui prigionieri palestinesi detenuti nelle carceri israeliane. (https://eeas.europa.eu/delegations/palestine-occupied- palestinian-territorio-ovest-banca-e-gaza strip / 25681 / local-eu-economico-palestinese-prigionieri-israelo-detention_en).

Noi ONG italiane seguiamo con forte preoccupazione il prolungarsi dello sciopero della fame dei prigionieri palestinesi nelle carceri israeliane, in protesta contro le condizioni della loro detenzione ed esprimiamo solidarietà alle loro richieste.

 

Ribadiamo e sosteniamo fortemente l'appello dell'UE per il pieno rispetto del diritto internazionale umanitario e degli obblighi in materia di diritti umani nei confronti di tutti i detenuti. I detenuti palestinesi nelle carceri israeliane sono da considerarsi "persone protette" ai sensi dell'articolo 4 della Quarta Convenzione di Ginevra, e la loro detenzione in Israele, rappresenta una violazione dell'articolo 76 della Quarta Convenzione di Ginevra, secondo il quale si vieta il trasferimento di prigionieri al di fuori del territorio occupato. Effetto di tale trasferimento è l’impossibilità di garantire il diritto di visita ai detenuti da parte dei propri famigliari.

Noi ONG italiane sottolineiamo inoltre la forte preoccupazione per l'ampio uso che Israele fa della pratica di detenzione amministrativa senza procedere a emettere un’accusa formale. Attualmente circa 500 palestinesi sono in stato di fermo e reclusi in detenzione amministrativa. I detenuti hanno il diritto di essere a conoscenza delle accuse che gli sono a carico, e deve essere concesso loro l'accesso all'assistenza legale e un processo equo entro un termine ragionevole, senza i quali deve essere assicurata altrimenti la scarcerazione.

Chiediamo alle autorità italiane e alla comunità internazionale di intervenire affinché Israele rispetti il diritto internazionale e accolga le richieste dei prigionieri, in particolare il miglioramento delle condizioni detentive, la riduzione delle pratiche di isolamento, di detenzione amministrativa e un migliore accesso alle cure mediche.

Invitiamo la società civile italiana alla mobilitazione in solidarietà con i detenuti, sostenendo la lotta non violenta e il diritto di autodeterminazione del popolo palestinese.


Piattaforma ONG Italiane Mediterraneo e Medio Oriente Roma, 23 Maggio 2017

 
Progetti e Azioni

world_map1

Campagne


 

 


 

sostieni

ire

Reti

 


logos_COCIS

 


 


 


 

ONG_files_logo

Terrecomuni_logo

Noi Abbiamo Scelto Banca Etica