Le principal symptôme de l'éjaculation prématurée est une éjaculation incontrôlée soit avant ou peu de temps après un rapport sexuel commence. L'éjaculation se produit avant que la personne le souhaite, avec une stimulation sexuelle minimale. Où achat priligy france vous avez trouvé une pharmacie online ici https://trendpharm.com/ #priligy . Parfois, une combinaison de problèmes physiques et psychologiques provoque la dysfonction érectile. Par exemple, une condition physique mineure qui ralentit votre réponse sexuelle peut causer de l'anxiété à propos de maintenir une érection. L'angoisse qui en résulte peut entraîner ou aggraver la dysfonction érectile. Una disfunción eréctil es la impotencia de obtener o mantener una erección. comprar cialis españa saber cuál es el medicamento ideal para usted depende de diferentes factores.
America LatinaMedio OrienteItaliaBalcaniMediterraneo

Homepage

  • CRIC - Centro Regionale d'Intervento per la Cooperazione ONLUS

    Giovedì 18 Agosto 2011 16:48
  • Fermiamo la strage subito!

    Lunedì 08 Giugno 2015 00:00
  • NAQBA, 15 maggio 1948, ma l'occupazione continua

    Mercoledì 04 Aprile 2018 00:00
  • #GlobalActionDayForAfrin

    Mercoledì 04 Aprile 2018 00:00
  • Incontri

    Mercoledì 04 Aprile 2018 11:10
Cosa Facciamo
Privacy

Questo sito web utilizza cookies.

Continuando a navigare nel presente sito si accetta l'utilizzo di tutti i cookies.

Per maggiori informazioni clicca qui


Politica per la protezione della privacy, attualizzata in base al Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati (GDPR)

Risorse
Interno CRIC



Ci stanno visitando
 12 visitatori online
Ringraziamenti

Per il sostegno alla strategia di rilancio del CRIC

Ultimi progetti realizzati con il sostegno della Chiesa Valdese, fondi OPM

Sumud, Palestina

Hebron, Palestina

Burkina Faso

Sherazade, Milano

Teddungal, Milano

 

 


Legge n. 124/2017, comma 125-129 dell’art.1

.................................
Banner

 

CROSS THE BORDER: CREATIVE CITIZENSHIP TROUGH MEDIA AND ART

CROSS THE BORDER: CREATIVE CITIZENSHIP TROUGH MEDIA AND ART

 

ZAMBRONE - Italia

DESCRIZIONE

The project is a multilateral training on artistic practices for social transformation for youth leaders, educators and multipliers working with young people in the Euro-Mediterranean Area (coming both from Formal and Non Formal education sector) engaged in context of conflict .The countries involved are Italy, Lebanon, Greece, Palestine, Spain and 25 participants (5 for each country) The Subject of the training course is the so-called engaged art or those forms of artistic expression used as a way of socio-political participation : how the use of visual art can become tool of social integration. Its aim is to develop a process of reflection and action about the use of arts and media as tool to promote the access to citizenship as a possibility to influence and thus change on its community.

The project wants to stimulate people to use their creativity and react on what is happening around them. The idea behind this training course is to give participants an opportunity to think about their own identity, the elements it comprises of and the factors that shaped it and then to go a step further and explore the ways in which their identity can be linked to their needs, interests, dreams and expectations within their local communities.

The course is designed to create the space where participants experience and reflect upon activities and concepts central to human rights education based on experiential learning approaches. The course is also designed as a space for mutual learning, where participants exchange their approaches to training and compare human rights situation, especially regarding human rights issues, across the Mediterranean Area in a dialogical intercultural approach and environment.

The previous experience of participants, in the formal and non-formal sectors, will be the starting point of the programme and of the learning process

The course will be using a variety of methods and tools from non-formal education, such as:

interactive workshops of visual arts, discussions , team building exercises , simulations , field work within the neighbourhood , theatre games and role play ,use of Information Technology , reflection groups

The training course will take place in a place near Reggio Calabria,Zambrone.

OBIETTIVI

Obiettivo generale del progetto è quello di promuovere l’intercultura come modello di convivenza valorizzando quei processi di inter-azione e di “ibridazione” già in essere all’interno della quotidianità e sviluppando un processo di riflessione e di azione sull’utilizzo del linguaggio artistico e simbolico/culturale che a partire dal contributo “esperienziale”, diventi strumento di promozione della cittadinanza attiva

 

Obiettivi specifici del progetto :

 

la valorizzazione di incontri positivi e di pratiche portatrici di linguaggi artistici e non nuovi e “integrativi”

 

la messa in luce dei meccanismi attraverso i quali le culture si influenzano tra loro (in entrambi i sensi!), si mescolano e si trasformano sia a livello globale che a quello locale (che si esprime in un processo/percorso di conoscenza, comprensione e mediazione quotidiano) come base per l’inizio di un dialogo e per un rapporto di tipo paritario soggetto/soggetto, che non esclude le differenze ma le inserisce in un movimento per la loro “accettazione” e “integrazione”

 

sviluppare approcci pratici a situazioni di discriminazione e di intolleranza generato da differenze culturali che interessano i giovani

 

promuovere l'educazione ai diritti umani e il dialogo interculturale come un pre-requisito per lo sviluppo di una "cultura della pace" e come contributo alla stabilità democratica

 

sviluppare le capacità e competenze del target group di confrontarsi con i temi di: cultura, tradizione diversità ,confini

 

esplorare e scoprire il concetto di identità e i fattori che contribuiscono a crearla in contesti differenti e apprendere a facilitare le persone nella gestione delle differenti identità in modo più efficace

 

avviare un processo di empowerment delle organizzazioni giovanili, in particolare quelle operanti con i gruppi più vulnerabili a sviluppare progetti, strategie e attività dirette ad affrontare il razzismo, la xenofobia, la discriminazione e le forme di violenza gender-based che riguardano la propria comunità

 

ottenere una migliore comprensione del programma YiA

 

favorire lo scambio di esperienze locali e incoraggiare i partecipanti ad avviare nuovi progetti che coinvolgano i giovani locali a sviluppare la partecipazione attiva a partnership, reti e idea di progetto a favore dei loro comunità locali

 

Nel Programma Euromed III la commissione così definisce il dialogo euro-mediterraneo : Dia-logare non significa solo far parlare tra loro due culture diverse, ma anche far sì che ognuna di esse parli al proprio interno, si confronti con una pluralità di interpretazioni.

L’oggetto del corso intende andare proprio in questa direzione in quanto intende presentarsi come una sorta di incubatore in cui i giovani youth e social worker possano avviare a sperimentare un lavoro di rielaborazione dell’immagine e di re- definizione della propria identità, attingendo ad un repertorio simbolico che permetta di interagire con il resto della società sentendosi al tempo stesso parte di essa da poter trasferire nei contesti di appartenenza attraverso l’uso delle arti visuali.

ATTIVITA'

training course internazionale

 

 

DATA INIZIO

30-04-2009

DURATA

10 giorni

STATO DEL PROGETTO

in avanzamento

http://www.ammado.com/member/109718

 

http://www.youtube.com/watch?v=ZQSncbaDpKA&eurl=http%3A%2F%2Fwww%2Efacebook%2Ecom%2Fhome%2Ephp%3F&feature=player_embedded

 

http://crosstheborderpirapora.blogspot.com/

FINANZIAMENTI E CONTRIBUTI

Programma YOUTH IN ACTION

 

 

PERSONA DI CONTATTO

Elena Muscarella - Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
Progetti e Azioni

world_map1

Campagne


 

 


 

sostieni

ire

Reti

 


logos_COCIS

 


 


 


 

ONG_files_logo

Terrecomuni_logo

Noi Abbiamo Scelto Banca Etica