Le principal symptôme de l'éjaculation prématurée est une éjaculation incontrôlée soit avant ou peu de temps après un rapport sexuel commence. L'éjaculation se produit avant que la personne le souhaite, avec une stimulation sexuelle minimale. Où achat cialis sur internet vous avez trouvé une pharmacie online ici https://trendpharm.com/ #cialis . Parfois, une combinaison de problèmes physiques et psychologiques provoque la dysfonction érectile. Par exemple, une condition physique mineure qui ralentit votre réponse sexuelle peut causer de l'anxiété à propos de maintenir une érection. L'angoisse qui en résulte peut entraîner ou aggraver la dysfonction érectile. Una disfunción eréctil es la impotencia de obtener o mantener una erección. comprar propecia en madrid saber cuál es el medicamento ideal para usted depende de diferentes factores.
America LatinaMedio OrienteItaliaBalcaniMediterraneo

Homepage

  • CRIC - Centro Regionale d'Intervento per la Cooperazione ONLUS

    Giovedì 18 Agosto 2011 16:48
  • Stop TTIP

    Lunedì 08 Giugno 2015 00:00
  • abbiamo tempo fino al 30 gennaio

    Giovedì 24 Gennaio 2019 11:41
Cosa Facciamo
Privacy

Questo sito web utilizza cookies.

Continuando a navigare nel presente sito si accetta l'utilizzo di tutti i cookies.

Per maggiori informazioni clicca qui


Politica per la protezione della privacy, attualizzata in base al Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati (GDPR)

Risorse
Interno CRIC



Ci stanno visitando
 10 visitatori online
Ringraziamenti

Per il sostegno alla strategia di rilancio del CRIC

Ultimi progetti realizzati con il sostegno della Chiesa Valdese, fondi OPM

Sumud, Palestina

Hebron, Palestina

Burkina Faso

Sherazade, Milano

Teddungal, Milano

 

 


Legge n. 124/2017, comma 125-129 dell’art.1

.................................
Banner

 

FEI_logo

In rete - Percorsi di formazione e progettazione sulle migrazioni

2011/FEI/PROG-101482, Azione 8/2011


LUOGO DI REALIZZAZIONE DEL PROGETTO:

Il progetto si sta realizzando in Calabria. 

OBIETTIVI

Obiettivo generale

Promuovere una rete di coordinamento tra il mondo dell’università e le tante altre realtà del territorio operanti nell’ambito delle politiche d’integrazione che porti alla diffusione di un “sapere pratico” in continua evoluzione, caratterizzato dalla capacità di offrire risposte integrate e innovative alle diverse problematiche connesse all’inclusione sociale e lavorativa dei migranti presenti in Calabria.

Obiettivi specifici:

    1. Costituire un “Centro Territoriale di Coordinamento e Formazione su Migrazioni e Sviluppo” che possa diventare un importante punto di riferimento all’interno della Calabria, favorendo la messa in rete di enti e operatori impegnati nel fornire risposte sul fronte dell’integrazione sociale e lavorativa dei cittadini migranti.
    2. Promuovere nell’ambito della P.A. l’innesto di figure altamente specializzate, in grado di affrontare i problemi legati alla migrazione in maniera integrata e innovativa, secondo criteri metodologici che permettano di solidificare il nesso migrazioni/sviluppo nelle singole realtà territoriali, e contemporaneamente di programmare azioni congiunte fra loro in materia di immigrazione.
    3. Offrire visibilità a progetti, eventi e notizie su tematiche riguardanti l’integrazione sociale e lavorativa dei migranti in Calabria che possano tradursi in nuove progettualità e gesti di cittadinanza attiva

      DESCRIZIONE

      In Calabria, pur nell’allineamento dei fenomeni migratori alle tendenze nazionali ed europee in termini di consistenza percentuale, composizione e problematiche sociali indotte, si riscontrano forti criticità su tutti i versanti dell’inserimento degli immigrati: prima accoglienza, incorporazione nel mercato del lavoro, integrazione sociale, opportunità di accesso ai servizi territoriali In particolare, nelle tradizionali realtà agrumicole calabresi, permangono acute situazioni di discriminazione e sfruttamento degli stranieri, che partecipano al perpetrarsi di un “gioco a somma zero” in cui la violazione dei diritti si accompagna alla difficoltà di accrescere la competitività e l’innovazione di questi sistemi rurali. Ma anche nelle realtà territoriali che hanno invece provato a coniugare in maniera innovativa il tema dell’accoglienza con quello dello sviluppo locale, continuano ad osservarsi processi di elevato tourn over, che non producono le condizioni favorevoli alla formazione di un tessuto associativo e produttivo sufficientemente stabile e organizzato.

      Queste debolezze non sono più attribuibili alla scarsità dei servizi offerti, che hanno al contrario subito una notevole crescita negli ultimi anni, quanto dalla preponderanza di approcci frammentati, assistenzialistici e a basso grado di specializzazione.

      Per affrontare i punti di debolezza che emergono dal quadro rappresentato, il progetto intende creare all’interno del Dipartimento di Sociologia e Scienza Politica dell’Unical, con la collaborazione di tutti i partner del progetto, un Centro Territoriale di Coordinamento e Formazione su Migrazioni e Sviluppo, finalizzato a potenziare la cooperazione fra il mondo dell’Università e le altre realtà operanti nell’ambito delle politiche d’integrazione a livello territoriale, nell’ottica di accrescere la qualità dei servizi erogati tramite il rafforzamento delle competenze in materia di progettazione integrata e analisi teorica sulle migrazioni.

      In tale direzione il presente progetto intende promuovere un set di azioni di coordinamento, informazione e formazione degli operatori della P.A. e del terzo settore, che presen presentano sfaccettature differenti, ma fanno parte di un unico quadro concettuale e operativo finalizzato a promuovere le soluzioni ai principali problemi esposti in quanto tali azioni, complessivamente considerate, permettono di:

      - consolidare sul territorio una rete di persone formate e qualificate in grado di sviluppare azioni di cambiamento strutturale sul versante dell’integrazione dei migranti;

      - accrescere il capitale sociale in modo da incrementare la qualità delle azioni di sviluppo che si intraprendono;

      - consolidare rapporti con i mezzi di informazione e di comunicazione (mass-media, internet, giornalisti) al fine di garantire la sostenibilità culturale delle iniziative.

      La metodologia che sta alla base del progetto può essere definita di tipo partecipativo “a cerchi concentrici”. Si caratterizza per la costruzione di reti tra i diversi soggetti interessati dal livello locale a quello regionale. In quest’ottica, si opererà da una parte per coltivare e rafforzare i rapporti già esistenti con le comunità territoriali di riferimento dei partner del progetto, dall’altra, per sviluppare ulteriormente le capacità organizzativo-gestionali della PA. e del terzo settore in Calabria.

      Questo presupposto rappresenta anche e soprattutto una filosofia di interpretazione del contesto sociale, del ruolo dei cittadini, delle istituzioni e delle associazioni presenti su un dato territorio.

      Le risorse coinvolte nel progetto dovrebbero, con l’esperienza, diventare una sorta di “comunità regionale di esperti sulla migrazione” che faccia dell’approccio progettuale collaborativo un’occasione di creazione di un gruppo di lavoro/comunità di apprendimento nel quale la crescita professionale non si basi solo su percorsi “tracciati”, quanto piuttosto sulla continua condivisione delle esperienze, lo scambio di opinioni ed idee progettuali.

      ATTIVITÀ

      Azione 1: Costituzione della rete

      Sará creato presso il Dipartimento di Sociologia e Scienza Politica dell’Unical un Centro Territoriale di Coordinamento e Formazione su Migrazioni e Sviluppo, che coordinerá principalmente:

      - organizzazione dei workshop propedeutici alla progettazione

      - organizzazione dei Laboratori di progettazione

      - gestione delle informazioni del sito web del Centro

      - diffusione delle informazioni presso la Stampa locale e nazionale

      - realizzazione di un CD divulgativo del progetto e la progettazione di un portale dedicato al Centro per il rafforzamento e l’ampliamento della Rete.

      Azione 2: Formazione

      Nella fase di preparazione si realizzerá una Conferenza di avviamento del progetto e due workshop propedeutici alla progettazione

      Nella secondafase si realizzeranno:

      - 4 Laboratori di progettazione (propedeutica alla predisposizione di standard, tecniche e procedure funzionali ad attività operative di progettazione sociale e partecipata)

      - 1 Master di II livello, che intende assumere la veste di un master di II livello, punta a fornire un alto profilo di esperto destinato a operare con funzioni di orientamento, progettazione, ricerca e intervento in materia di migrazioni e relazioni interculturali

      Azione 3: Attività di sensibilizzazione

      Alla fine del progetto verrà pubblicato 1 Libro e verrà inoltre realizzata una Conferenza finale per

      la divulgazione dei materiali e risultati conseguiti.

      BENEFICIARI E BENEFICIARIE 

      Beneficiari/e dirette dell’iniziativa saranno:

      - 140 dirigenti e funzionari della P.A. coinvolti in attività di europrogettazione e/o esperti in politiche sociali (circa 20 per ogni workshop e laboratorio di progettazione provenienti da tutte le Province della Calabria, circa 20 all’interno del Master)

      - Enti locali (circa 100 enti afferenti a tutto il territorio regionale)

      - Associazioni (circa 40 associazioni, attive in tutta la Calabria)

      - Studenti (circa 800, individuati su tutto il territorio regionale)

      - Operatori del Terzo Settore (circa 500, individuati su tutto il territorio regionale)

      PARTNERS

      Capofila: Comune di Lamezia Terme

      Partners:

           - Universita' della Calabria - Dipartimento di Sociologia e di Scienza Politica

           - CSC - Credito Senza Confini soc. coop. Sociale 

      Altri attori della rete giá coinvolti fin dalla fase di proposta:

           - Provincia di Cosenza 

           - CRIC – Centro Regionale d’Intervento per la Cooperazione  

           - UNAR 

           - USR 

           - Libera 

           - Comune di Riace 

           - Ufficio Scolastico Regionale 

       

      DATA INIZIO 

      Ottobre 2012

      DURATA 

      Dodici mesi

      STATO DEL PROGETTO 

      Concluso a fine giugno 2013

      COSTI 

      187.798,70 Euro

      FINANZIAMENTI E CONTRIBUTI 

      Ministero dell’Interno – Dipartimento per le Libertá Civili e l’Immigrazione

      Fondi FEI – Fondo Europeo per l’Integrazione di cittadini di Paesi Terzi

       

      PERSONA DI CONTATTO 

      Mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. , gestito dal Centro Studi su “Migrazioni e Sviluppo” dell’Unical

      Sito per informazioni: : http://cemisv.wordpress.com/attivita/

       
      Progetti e Azioni

      world_map1

      Campagne


       

       


       

      sostieni

      ire

      Reti

       


      logos_COCIS

       


       


       


       

      ONG_files_logo

      Terrecomuni_logo

      Noi Abbiamo Scelto Banca Etica