Le principal symptôme de l'éjaculation prématurée est une éjaculation incontrôlée soit avant ou peu de temps après un rapport sexuel commence. L'éjaculation se produit avant que la personne le souhaite, avec une stimulation sexuelle minimale. Où commander kamagra sans ordonnance vous avez trouvé une pharmacie en ligne ici http://trendpharm.com/ kamagra. Parfois, une combinaison de problèmes physiques et psychologiques provoque la dysfonction érectile. Par exemple, une condition physique mineure qui ralentit votre réponse sexuelle peut causer de l'anxiété à propos de maintenir une érection. L'angoisse qui en résulte peut entraîner ou aggraver la dysfonction érectile. Una disfunción eréctil puede ser el resultado de afecciones y enfermedades, medicación o estilo de vida. En primer lugar, es un problema físico. A menudo, factores psíquicos como el estrés y el miedo ayudan a mantener o empeorar los problemas eréctiles. Comprar priligy sin receta en ergentina saber cuál es el medicamento ideal para usted depende de diferentes factores.
America LatinaMedio OrienteItaliaBalcaniMediterraneo

Homepage

  • CRIC - Centro Regionale d'Intervento per la Cooperazione ONLUS

    Giovedì 18 Agosto 2011 16:48
  • Stop TTIP

    Lunedì 08 Giugno 2015 00:00
  • abbiamo tempo fino al 30 gennaio

    Giovedì 24 Gennaio 2019 11:41
Cosa Facciamo
Privacy

Questo sito web utilizza cookies.

Continuando a navigare nel presente sito si accetta l'utilizzo di tutti i cookies.

Per maggiori informazioni clicca qui


Politica per la protezione della privacy, attualizzata in base al Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati (GDPR)

Risorse
Interno CRIC



Ci stanno visitando
 109 visitatori online
Ringraziamenti

Per il sostegno alla strategia di rilancio del CRIC

Ultimi progetti realizzati con il sostegno della Chiesa Valdese, fondi OPM

Sumud, Palestina

Hebron, Palestina

Burkina Faso

Sherazade, Milano

Teddungal, Milano

 

 


Legge n. 124/2017, comma 125-129 dell’art.1

.................................
Banner

 

Ne' con Assad ne' con gli oppositori armati, solamente con la popolazione civile 

Aderiamo alle posizioni espresse in questo Comunicato stampa diffuso dalla ONG CISS

 

Palermo, 5 settembre 2013

NO ALLA GUERRA NO ALL’OPZIONE DELL’USO DELLA FORZA. PERCHÉ DICIAMO NO A UN INTERVENTO MILITARE IN SIRIA. 

Siamo un’organizzazione non governativa; non possiamo accettare letture dicotomiche di una realtà complessa e non vogliamo cadere nella trappola che impone di stare con o contro Assad, con o contro gli oppositori al regime, a seconda degli interessi geopolitici ed economici prevalenti. Il nostro interesse è lavorare perché prevalgano sempre democrazia, pace e sviluppo, le uniche condizioni per garantire il rispetto dei diritti umani e la costruzione di progetti di vita individuali e collettivi.

La nostra attenzione va alle popolazioni, indipendentemente dalle parti in conflitto.

La guerra non è mai una soluzione; non lo è mai soprattutto per i più deboli. 

Le prime vittime di quanto dal 2011 sta accadendo in Siria sono i civili e i civili continueranno a essere inevitabilmente le vittime di un attacco militare esterno. Sono sempre i civili le prime vittime dell’uso della forza: donne, bambini e anziani, uomini inermi già in fuga dalla Siria in cerca di un rifugio nei paesi vicini. Sono tanti quelli giunti in Europa in questi giorni, stravolgendo le proprie vite per fuggire dalle violenze in corso e ancor più dalle conseguenze di un attacco militare. Ne siamo testimoni ogni giorno in Sicilia.

L’impatto di un intervento militare non si fermerebbe alla Siria, ma coinvolgerebbe l’intera area Mediterranea. Il Mediterraneo è casa nostra e da anni insieme a tante ONG e associazioni dei paesi delle due sponde lavoriamo per lo sviluppo della pace, del dialogo e della democrazia. E’ inaccettabile che adesso, in nome della democrazia, prevalga
l’idea dell’uso della forza come unico strumento di risoluzione dei conflitti.

La guerra non ha nulla di umanitario e non esistono guerre umanitarie. 

Il legittimo orrore per le stragi di civili in Siria non può portare a una moltiplicazione dell’orrore e delle vittime. Dell’uso della forza non vogliamo essere complici 

Per questo ci appelliamo al governo italiano, ricordando l’art. 11 della Costituzione della Repubblica Italiana, ripetutamente calpestato, “L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali (..)”, affinché si pronunci contro la guerra in modo chiaro e si adoperi con tutti gli strumenti possibili in ambito internazionale per promuovere una soluzione politica alla crisi siriana.

La guerra non è strumento di risoluzione delle controversie internazionali. 

 

Cooperazione Internazionale Sud Sud

Via G. Marconi 2/A, 90141 - Tel.091.6262694 Fax 0039.091347048

Mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.  Sito: www.cissong.org 



 
Progetti e Azioni

world_map1

Campagne


 

 


 

sostieni

ire

Reti

 


logos_COCIS

 


 


 


 

ONG_files_logo

Terrecomuni_logo

Noi Abbiamo Scelto Banca Etica