Le principal symptôme de l'éjaculation prématurée est une éjaculation incontrôlée soit avant ou peu de temps après un rapport sexuel commence. L'éjaculation se produit avant que la personne le souhaite, avec une stimulation sexuelle minimale. Où achat priligy france vous avez trouvé une pharmacie online ici https://trendpharm.com/ priligy . Parfois, une combinaison de problèmes physiques et psychologiques provoque la dysfonction érectile. Par exemple, une condition physique mineure qui ralentit votre réponse sexuelle peut causer de l'anxiété à propos de maintenir une érection. L'angoisse qui en résulte peut entraîner ou aggraver la dysfonction érectile. Una disfunción eréctil es la impotencia de obtener o mantener una erección. comprar propecia sin receta en madrid saber cuál es el medicamento ideal para usted depende de diferentes factores.
America LatinaMedio OrienteItaliaBalcaniMediterraneo

Homepage

  • CRIC - Centro Regionale d'Intervento per la Cooperazione ONLUS

    Giovedì 18 Agosto 2011 16:48
  • Riace riparte!

    Giovedì 24 Gennaio 2019 11:41
  • Solidarietá con il popolo curdo

    Sabato 12 Ottobre 2019 08:15
  • Manabí Resiliente

    Giovedì 12 Novembre 2020 21:56
  • Giornata internazionale di solidarietà con il Popolo palestinese - 29 novembre 2021

    Domenica 15 Novembre 2020 18:02
Cosa Facciamo
Privacy

Questo sito web utilizza cookies.

Continuando a navigare nel presente sito si accetta l'utilizzo di tutti i cookies.

Per maggiori informazioni clicca qui


Politica per la protezione della privacy, attualizzata in base al Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati (GDPR)

Risorse
Interno CRIC



Ci stanno visitando
 5 visitatori online
Ringraziamenti
.................................
Banner

 

CORSO DI FORMAZIONE SU DIRITTI E IMMIGRAZIONE

per la lotta a ogni forma di sfruttamento e discriminazione

Primo incontro

OpenFields progetto CRIC locandina legal 12.03.21

L’Associazione Progetto Diritti, nell’ambito del progetto “Open Fields: preventing and combating racism and xenophobia against immigrant workers in agricultural departments of Southern Itay” finanziato dalla Commissione Europea e coordinato dal CRIC, organizza un corso di formazione su Diritti e Immigrazione – per la lotta ad ogni forma di sfruttamento e discriminazione. L’obiettivo del corso è di sviluppare capacità e competenze utili ad informare e assistere gli stranieri e le straniere presenti in Italia.

Conoscere le dinamiche migratorie, ed in particolare quelle che riguardano il nostro paese, approfondire la conoscenza normativa, gli orientamenti giurisprudenziali e le prassi normative, essere in grado di individuare gli spazi di azione concreta, poter consapevolmente azionare i diversi strumenti che l’ordinamento giuridico pone a disposizione per tutelare coloro che vivono ingiustizie e discriminazioni sulla propria pelle, è l’insieme degli obiettivi che l’attività formativa si pone, anche al fine di avviare prassi positive.

È stato richiesto l’accreditamento presso il Consiglio Nazionale Forense (si prevede l’assegnazione di 3 crediti formativi). Il corso è rivolto agli e alle studenti, agli operatori e alle operatrici legali, agli avvocati e alle avvocate, verrà data priorità a chi studia e lavora nelle tre regioni dove il progetto interviene, Calabria, Puglia e Sicilia, e si realizzerà in collaborazione con l’Università della Calabria, l’Università degli Studi di Bari Aldo Moro, l’Università degli Studi di Palermo

 

SCARICA IL PROGRAMMA DEL 12 MARZO download

clicca qui per iscriverti al corso

per informazioni sul progetto OpenFields / CampagneAperte

per informazioni scrivi a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

Prosegue il ciclo di incontri organizzato dal CISS nell’ambito del progetto OpenFields / Campagne Aperte: prevenire e combattere razzismo e xenofobia contro i lavoratori immigrati delle aree agricole dell’Italia meridionale coordinato dal CRIC in partenariato con Medu, Progetto Diritti Onlus, Università Della Calabria, CISS e Università degli Studi di Bari Aldo Moro, con il sostegno dell'Unione Europea nell'ambito del Programma REC (Rights, Equality and Citizenship)


“Il razzismo è un ecosistema”

Riflessioni e strumenti per svelarlo e decostruirlo a partire dal linguaggio dell’informazione

 

Terzo incontro del ciclo di webtalk di approfondimento sui temi connessi allo sfruttamento lavorativo di persone di origine straniera in agricoltura, alle distorsioni della filiera produttiva che lo ingenerano e sul linguaggio dell'informazione, strumento potente di costruzione dell'immaginario collettivo.

Online su Zoom venerdì 26 febbraio alle ore 18:00

diretta facebook: https://fb.me/e/bCApwmIZO (si potrá seguire anche dalla pagina fb del CRIC)

Info sul Progetto

Per vedere il programma completo degli incontri

CRIC, OpenFields, progetto UE contro razzismo locandina 26/02/21

 

La comunicazione mainstream e social troppo spesso è piena di informazioni contraddittorie, fake news e campagne d'odio, che non sono mancate neanche durante le fasi più critiche dell’emergenza sanitaria, in cui si è passati dalla presunta immunità al virus delle persone migranti alla loro identificazione come “untori”.

Le migrazioni continuano ad essere associate alla questione sicurezza, mentre le norme e la politica non riescono né a garantire tutela e diritti né a prevenire lo sfruttamento - e a volte la morte - delle persone in percorso migratorio.

Qual è il ruolo della comunicazione, del giornalismo e dei social media nella costruzione dell'immaginario sulle migrazione? Quali conseguenze hanno la costruzione sociale e politica dei significati confusi dell’immigrazione? Quanto sono importanti le parole e il "parlare civile", in particolare nel lavoro informativo ed educativo?

Diverse visioni del mondo e diverse narrazioni competono, ne parleremo insieme ai/alle nostr* relator* venerdì 26 febbraio

 

 

Contadine e contadini italiani chiedono una legge quadro nazionale che riconosca le caratteristiche della Piccola Agricoltura Contadina e la differenzi dalle imprese agricole di grandi dimensioni; chiamano a raccolta tutto il mondo agricolo per dare forza alle richieste che il Parlamento deve approvare in tempi brevissimi; sollecitano tutti con una lettera aperta perché dalla sopravvivenza del mondo contadino dipende la Sovranità alimentare dei popoli e la salute del pianeta.

 

Lettera aperta alle Contadine e Contadini d'Italia


Vai al sito della Campagna

Le proposte di legge:

“Norme per la tutela della terra, il recupero e la valorizzazione dei terreni agricoli abbandonati e il sostegno delle attività agricole contadine nonché istituzione della Giornata nazionale dedicata alla cultura del mondo contadino e della Rete” n.1269 del 16 ottobre 2018

“Disposizioni in materia di agricoltura contadina” n.1825 del 06 maggio 2019.

“Disposizioni per la tutela e la valorizzazione dell’agricoltura contadina” n.1968 del 10 luglio 2019

 

Sumud vuol dire fermezza, perseveranza e determinazione. È la capacità dei Palestinesi di resistere. Ma è soprattutto un modo di affrontare la vita che esprime l'anima del popolo palestinese.

In Palestina sosteniamo azioni utili a tutelare il diritto delle comunità di vivere sulle loro terre nonostante l'oppressione, l’accerchiamento, le demolizioni, gli sgomberi e le molteplici difficoltà quotidiane. Ma la terra, più che mai in Palestina, è indissolubilmente legata alla cultura.

Insieme al diritto di libero accesso e utilizzo delle proprie terre, le comunità hanno diritto alla difesa, riscoperta, tutela e valorizzazione di siti storici, oggi spesso ricoperti dalla polvere dell'abbandono e della guerra. Ogni giorno, oltre alle case, vengono rasi al suolo antichi reperti, e ogni giorno 1.400 anni di storia, di cultura arabo-islamica vengono negati e ricreati ad arte per riscrivere la storia del conquistatore e legittimare la violenza del presente.

A questa strategia si resiste, anche con il lavoro certosino, accurato, appassionato di tanti, che hanno fatto dell’impegno nella valorizzazione dell’archeologia, della cultura, nella cura e trasmissione della storia di un territorio e un popolo alle giovani generazioni, un impegno di vita

31 gennaio, ore 10 - in diretta sulla nostra pagina facebook

Sumud - locandina incontro del 31/1/21

 

Seminario online: Braccia o persone?

 

Nell’ambito del progetto “Open fields/Campagne Aperte: prevenire e combattere razzismo e xenofobia contro i lavoratori immigrati delle aree agricole dell’Italia meridionale” è previsto il secondo incontro del ciclo di webtalk di approfondimento sui temi connessi allo sfruttamento lavorativo di persone di origine straniera in agricoltura e alle distorsioni della filiera produttiva che lo ingenerano. Il ciclo di incontri è promosso e organizzato dal CISS

Venerdì 22 Gennaio 2021 alle h.18:00 su zoom e in diretta sulla nostra pagina facebook

 

OpenFields progetto CRIC locandina incontro 22/01/21

Il percorso in-formativo articolato in 6 incontri virtuali, e inaugurato il 18 dicembre scorso, intende fornire conoscenze e dati sui lavoratori e le lavoratrici straniere a cui il contesto normativo e socio-economico non riesce a garantire meccanismi e strumenti di tutela e protezione dei propri diritti. Condizioni aggravate dai messaggi distorti e discriminatori veicolati dalla comunicazione mainstream sia sui canali tradizionali che sui social media, sovente incentrate sulla diffusione di fake news e campagne d’odio.

Auspichiamo che questo percorso in 6 tappe, indirizzato a operatori sociali e di enti locali, associazioni, ONG, giornalisti ed esperti di comunicazione, sindacati, cooperative e aziende agricole, comunità di migranti e associazioni straniere e semplici cittadini, possa dare elementi e strumenti per poter leggere quanto accade nei nostri territori, nelle nostre campagne, nelle aziende agricole piccole, medie e grandi di Calabria, Puglia e Sicilia.

Un’occasione di approfondimento che, soffermandosi anche sulla rappresentazione mediatica dei fenomeni migratori, evidenzia il ruolo chiave delle parole e del linguaggio ai fini di una corretta narrazione, capace di destrutturare stereotipi e pregiudizi etnocentrici.

 

In occasione del 18 dicembre, Giornata internazionale del migrante e dell’adozione della Convenzione per la protezione dei #dirittideilavoratoriedellelavoratricistraniere, avviamo con CISS il primo di un ciclo di seminari promosso all'interno del progetto

#OpenFields / Campagne Aperte: prevenire e combattere razzismo e xenofobia contro i lavoratori immigrati delle aree agricole dell’Italia meridionale

Il progetto vede capofila CRIC con il partenariato di Medici per i diritti umani, Progetto Diritti Onlus, Università Della Calabria, CISS e Università degli Studi di Bari Aldo Moro, con il sostegno dell'Unione Europea nell'ambito del Programma REC (Rights, Equality and Citizenship).

Online su Zoom venerdì alle ore 18:00 - diretta facebook: https://www.facebook.com/events/149936113192240/

Info sul Progetto: http://www.cric.it/i-progetti/progetti-per-area/italia/330-campagneaperte.html

Per vedere il programma completo degli incontri

OpenFields progetto CRIC locandina incontro 18/12/20

 
Progetti e Azioni

world_map1

 

progetti in evidenza


CRIC, OpenFields, progetto UE contro razzismo in agricoltura

 

 

Italia

 

 

 

 

 


 

Manabí Resiliente, Ecuador

FIEDS2 logo

in spagnolo .............   in italiano

Campagne


 

 


 

sostieni

ire

Reti

 


logos_COCIS

 


 


 


 

ONG_files_logo

Terrecomuni_logo

Noi Abbiamo Scelto Banca Etica